Exit

La collezione 2016 di Cappellini è un giro del mondo. Ancora una volta, Giulio Cappellini conferma la sua abilità nell’individuare nuovi talenti a tutte le latitudini. Arriva da Giacarta Abie Abdillah, designer della nuova accogliente sedia in rattan. E’ svedese l’autore della seduta in legno con schienale rivestito in tessuto ricamato a mezzo punto con un motivi figurativi naturalistici: un cervo nel bosco, gli orsi bianchi sui ghiacci e l’airone nello stagno. E’ polacco Mac Stopa, fondatore di Massive design, creatore della imponente poltrona con pouf “Drum”. E’ nato, vive e lavora in Germania, Sebastian Herkner, che ha firmato “Telo lounge” una serie di sedute contract in metallo e tessuto. E’ tedesco anche Werner Aisslinger, che ha progettato la seduta a razze Juli-Jubilee, rivestita in tessuto fiorato. E’ nato e vive in Belgio Maarten De Ceulaer, designer di un pouf a bolle in schiumato floccato “Nex Mutation”, simile a una escrescenza di cellule. E’ di Berlino la giovane Luisa Kahlfeldt, che ha inventato i pouf in cartone arrotolato “Next cardboard stool”. E’ inglese Martjin Rigters, che ha modellato un divano a stampo, simile a un tessuto plissettato.

Cappellini-and-World-wide-Design_1
Poltrona Embroidery, fenicotteri con rosso frassino tinto. Johan Lindstén per Cappellini, 2016 Collection.
Cappellini Next Cutting Edge sofa, Maarten de Ceulaer e Martjin Rigters per Cappellini. 2016.
Cappellini-and-World-wide-Design_3
Poltrona Lukis, gomma di legno e rattan. Abie Abdillah per Cappellini, 2016 Collection.
Cappellini-and-World-wide-Design_4
Telo Lounge, sedute contract, Struttura in acciaio inox con rivestimento in grosgrain. Sebastian Herkner per Cappellini, 2016 Collection.
Pouf Mutation, spuma e gomma, Maarten de Ceulaer e Martjin Ritgers per Cappellini, 2016.
Cappellini-and-World-wide-Design_6
Tavolino Drum, poliuretano, Mac Stopa per Cappellini, 2016.
Next Collection Carboard Stool, cartone, Cappellini, 2016.
Cappellini-and-World-wide-Design_8
Sedia Juli-Jubilee, strato di rivestimenti in pelle, realizzata con oltre 100.000 punti da quattro macchine. Werner Aisslinger per Cappellini, 2016 Collection.

DOVE: Via Santa Cecilia 4 – 20122 Milano

La collezione 2016 di Cappellini è un giro del mondo. Ancora una volta, Giulio Cappellini conferma la sua abilità nell’individuare nuovi talenti a tutte le latitudini. Arriva da Giacarta Abie Abdillah, designer della nuova accogliente sedia in rattan. E’ svedese l’autore della seduta in legno con schienale rivestito in tessuto ricamato a mezzo punto con un motivi figurativi naturalistici: un cervo nel bosco, gli orsi bianchi sui ghiacci e l’airone nello stagno. E’ polacco Mac Stopa, fondatore di Massive design, creatore della imponente poltrona con pouf “Drum”. E’ nato, vive e lavora in Germania, Sebastian Herkner, che ha firmato “Telo lounge” una serie di sedute contract in metallo e tessuto. E’ tedesco anche Werner Aisslinger, che ha progettato la seduta a razze Juli-Jubilee, rivestita in tessuto fiorato. E’ nato e vive in Belgio Maarten De Ceulaer, designer di un pouf a bolle in schiumato floccato “Nex Mutation”, simile a una escrescenza di cellule. E’ di Berlino la giovane Luisa Kahlfeldt, che ha inventato i pouf in cartone arrotolato “Next cardboard stool”. E’ inglese Martjin Rigters, che ha modellato un divano a stampo, simile a un tessuto plissettato.

Torna al sommario de "Oltrefrontiera"
Close
Go top

The Moodboarders è un occhio spalancato sul mondo del progetto in tutte le sue multiformi declinazioni, capace di cogliere, anche nel quotidiano, lo straordinario. È la misura della temperatura epocale. È l’antenna sensibile capace di captare le tendenze sul nascere, i talenti che sbocciano, le estetiche trascurate. Non saggi, ma appunti veloci per sintonizzarsi sul ritmo del nostro tempo. Abbiamo viaggiato un anno senza fermarci e perché di questo viaggio non si smarrisca il ricordo abbiamo deciso di editare una versione cartacea. Abbiamo eliminato l’episodico, l’effimero e il fugace, cercando di mantenere la varietà degli argomenti e il loro fluido susseguirsi, di preservare la sorpresa delle scoperte, degli eventi colti nel loro manifestarsi, delle creazioni appena germogliate.