Exit
Moritz-Waldemeyer-special-effects_1
Ispirato agli antichi vasi cinesi, Ming è tra i progetti di luce più recenti del designer Moritz Waldemeyer, presentato in occasione di Decorex 2015 a Londra.
Moritz-Waldemeyer-special-effects_3
WinterWonder è l’installazione di luce nata dall’estro visionario di Moritz Waldemeier che la Rinascente, in collaborazione con la rivista Interni, regala alla città.

Nel 2013, sempre per Ingo Maurer, ha creato My New Flame, un progetto che è subito stato inserito nella collezione permanente del Moma. Le sue sperimentazioni, a cavallo tra arte e tecnologia, nei settori della moda e del design, rivelano la sua originale capacità nel creare magie di luce, pressoché immateriali. Quasi per incanto, riproduce lo scintillio dei candelabri classici con esili strisce di LED, rendendo avveniristici i classici effetti luminosi. I suoi prodigi di luce volteggiano nello spazio, quasi fossero tracciati da una bacchetta magica.

Di stanza a Londra, Moritz Waldemeyer si è fatto conoscere nel mondo della moda e del design per i suoi magici effetti luminosi. Il suo debutto risale al 2004 con un lampadario interattivo creato per Swarovski assieme a Ron Arad. Ha collaborato con Zaha Hadid, con Hussein Chalayan e partecipato alla mostra del Moma Design and the Elastic Mind. Si è fatto conoscere a Milano, dove allo spazio Krizia, nell’ambito dell’esposizione di Ingo Maurer, ha proposto un magico lampadario a LED.

Moritz-Waldemeyer-special-effects_2
Il designer anglo-tedesco utilizza tecniche parametriche per creare una geometria complessa di acciaio inox e elementi Led personalizzati.
Moritz-Waldemeyer-special-effects_4
L'installazione luminosa "Bella Figura" di Moritz Waldemeyer sopra all'Audi R8, che ricorda il movimento veloce di un'automobile.
Moritz-Waldemeyer-special-effects_5
Moritz Waldemeyer collabora con Audi per creare Lucid Flux, l’installazione luminosa composta da 2000 LED per illuminare i modelli Audi A1 e A8 durante la Milan Design Week 2010.
Moritz-Waldemeyer-special-effects_6
L'installazione luminosa "Bella Figura" di Moritz Waldemeyer sopra all'Audi R8
Moritz-Waldemeyer-special-effects_7
L'istallazione "Bella Figura" per Audi
Moritz-Waldemeyer-special-effects_8
“Blu Typhoon” per Paul & Shark, Moritz Waldemeyer
Moritz-Waldemeyer-special-effects_9
“Blu Typhoon” per Paul & Shark
Moritz-Waldemeyer-special-effects_12
Installazione “EGG55” presso il Metropolitan Hotel in London, Moritz Waldemeyer
Moritz-Waldemeyer-special-effects_10
Scultura Snokwflake per Times Square Shopping Mall, Seoul, 2011
Moritz-Waldemeyer-special-effects_11
Times Square Shopping Mall, Seoul, 2011

DOVE: 11 W 53rd St, New York, NY 10019, Stati Uniti

Di stanza a Londra, Moritz Waldemeyer si è fatto conoscere nel mondo della moda e del design per i suoi magici effetti luminosi. Il suo debutto risale al 2004 con un lampadario interattivo creato per Swarovski assieme a Ron Arad.  Ha collaborato con Zaha Hadid, con Hussein Chalayan e partecipato alla mostra del Moma Design and the Elastic Mind. Si è fatto conoscere a Milano, dove allo spazio Krizia, nell’ambito dell’esposizione di Ingo Maurer, ha proposto un magico lampadario a LED. Nel 2013, sempre per Ingo Maurer, ha creato My New Flame, un progetto che è subito stato inserito nella collezione permanente del Moma. Le sue sperimentazioni, a cavallo tra arte e tecnologia, nei settori della moda e del design, rivelano la sua originale capacità nel creare magie di luce, pressoché immateriali. Quasi per incanto, riproduce lo scintillio dei candelabri classici con esili strisce di LED, rendendo avveniristici i classici effetti luminosi. I suoi prodigi di luce volteggiano nello spazio, quasi fossero tracciati da una bacchetta magica.

Torna al sommario de "Effetti speciali"
Close
Go top

The Moodboarders è un occhio spalancato sul mondo del progetto in tutte le sue multiformi declinazioni, capace di cogliere, anche nel quotidiano, lo straordinario. È la misura della temperatura epocale. È l’antenna sensibile capace di captare le tendenze sul nascere, i talenti che sbocciano, le estetiche trascurate. Non saggi, ma appunti veloci per sintonizzarsi sul ritmo del nostro tempo. Abbiamo viaggiato un anno senza fermarci e perché di questo viaggio non si smarrisca il ricordo abbiamo deciso di editare una versione cartacea. Abbiamo eliminato l’episodico, l’effimero e il fugace, cercando di mantenere la varietà degli argomenti e il loro fluido susseguirsi, di preservare la sorpresa delle scoperte, degli eventi colti nel loro manifestarsi, delle creazioni appena germogliate.