Exit

La prolifica artista portoghese Joana Vasconcelos riesce sempre a stupire. Dopo aver scandalizzato la critica alla Biennale di Venezia del 2005, curata dalla spagnola Rosa Martinez, con il suo tradizionale lampadario da soffitto appeso nella sala d’ingresso dell’Arsenale realizzato con 25.000 assorbenti interni femminili al posto dei classici cristalli, quest’anno ritorna alla Biennale veneziana con l’installazione “Il giardino dell’Eden”, sponsorizzata da Swatch.

garden-of-eden-joana-vasconcelos-made-of-artificial-flowers
L’installazione è formata da mazzetti di fiori artificiali realizzati da tessuto intrecciato a fibre ottiche
garden-of-eden-joana-vasconcelos-bright-flowers
Il “giardino dell’Eden” è una passeggiata attraverso un paesaggio onirico, formato da centinaia di piccoli fiori luminosi, che ribalta la nozione classica di giardino.
La variazione cromatica continua determina un effetto di movimento, come se l’insieme del giardino fosse mosso da una leggera brezza.

All’interno di un padiglione gonfiabile argentato Joana ha realizzato un tappeto di fiori luminosi policromi che emergono da cilindri neri. Come in natura, la fioritura palpita, quasi fosse agitata da un vento primaverile. La magia dell’opera è accentuata dai suoni, provenienti dall’ondeggiare dei fiori, che compongono una sincronica colonna sonora creta da Jonas Runa. L’opera si propone di dimostrare come la tecnologia possa competere con la natura nel creare bellezza e stupore.

alla base di ogni mazzetto è nascosto un cilindro che contiene la fonte luminosa e dischi policromi che ruotando cambiano il colore dei fiori.
Il suono del meccanismo rimanda al ronzio degli insetti e si mescola alla composizione musicale di Jonas Runa.

DOVE: La Biennale di Venezia – Giardini, Sestiere Castello, 30122 Venezia

La prolifica artista portoghese Joana Vasconcelos riesce sempre a stupire. Dopo aver scandalizzato la critica alla Biennale di Venezia del 2005, curata dalla spagnola Rosa Martinez, con il suo tradizionale lampadario da soffitto appeso nella sala d’ingresso dell’Arsenale realizzato con 25.000 assorbenti interni femminili al posto dei classici cristalli, quest’anno ritorna alla Biennale veneziana con l’installazione “Il giardino dell’Eden”, sponsorizzata da Swatch.
All’interno di un padiglione gonfiabile argentato Joana ha realizzato un tappeto di fiori luminosi policromi che emergono da cilindri neri. Come in natura, la fioritura palpita, quasi fosse agitata da un vento primaverile. La magia dell’opera è accentuata dai suoni, provenienti dall’ondeggiare dei fiori, che compongono una sincronica colonna sonora creta da Jonas Runa. L’opera si propone di dimostrare come la tecnologia possa competere con la natura nel creare bellezza e stupore.
DOVE: La Biennale di Venezia – Giardini, Sestiere Castello, 30122 Venezia

Torna al sommario de "Terrific"
Close
Go top

The Moodboarders è un occhio spalancato sul mondo del progetto in tutte le sue multiformi declinazioni, capace di cogliere, anche nel quotidiano, lo straordinario. È la misura della temperatura epocale. È l’antenna sensibile capace di captare le tendenze sul nascere, i talenti che sbocciano, le estetiche trascurate. Non saggi, ma appunti veloci per sintonizzarsi sul ritmo del nostro tempo. Abbiamo viaggiato un anno senza fermarci e perché di questo viaggio non si smarrisca il ricordo abbiamo deciso di editare una versione cartacea. Abbiamo eliminato l’episodico, l’effimero e il fugace, cercando di mantenere la varietà degli argomenti e il loro fluido susseguirsi, di preservare la sorpresa delle scoperte, degli eventi colti nel loro manifestarsi, delle creazioni appena germogliate.