Exit
rodrigo_1
Move Armchair, Studio Rodrigo Almeida.

Rodrigo Almeida appartiene alla nuova generazione di designer brasiliani. A differenza di Fernando e Humberto Campana non collabora con aziende europee, ma utilizzando nei suoi progetti autoprodotti stilemi e ingredienti della cultura indigena brasiliana, un melting pot di Africa e Portogallo, cerca, mediante coraggiose ibridazioni, di creare un proprio marchio innovativo. Più che designer d’arredo, ama definirsi designer di oggetti, che nascono da un vocabolario figurativo molto personale, coltivato sin dal suo esordio. Gli incroci di razze diverse, tipici del Brasile, sono alla base del suo lavoro creativo, al quale intende dare significati completamente nuovi.

rodrigo_2
Ninfa Chair, Studio Rodrigo Almeida.
rodrigo_3
Moth Armchair, Studio Rodrigo Almeida.
rodrigo_4
Vista frontale, Move Armchair, Studio Rodrigo Almeida.

In questa ricerca di un linguaggio inedito, in grado di raccontare storie e emozioni di culture ibride, rivela uno speciale coraggio. All’origine del suo vocabolario, che mescola spunti dialettali con raffinatezze poliglotte, c’è l’intenzione di evitare l’ovvio, creando manufatti al di sopra delle tendenze stagionali, quasi sospesi in un tempo, privo di riferimenti epocali. Il risultato di questo approccio molto personale, libero da dogmi, sono creazioni, destinate all’uso quotidiano, sorprendenti e inquietanti.

rodrigo_5
Constructivist Armchair, Studio Rodrigo Almeida.
rodrigo_12
Vista frontale, Constructivist Armchair, Studio Rodrigo Almeida.
rodrigo_6
Barraco Chair, Studio Rodrigo Almeida.
rodrigo_7
Leve Armchair, Studio Rodrigo Almeida.
rodrigo_8
Arica Chair, Studio Rodrigo Almeida.
rodrigo_9
Vista laterale, Delta Table, Studio Rodrigo Almeida.
rodrigo_13
Delta Table, Studio Rodrigo Almeida.
rodrigo_10
Sideboard, Studio Rodrigo Almeida.

DOVE: Alameda Lorena, 2132 – Jardim Paulista, São Paulo – SP, 01424-006, Brasile

http://www.itenscollections.com

Rodrigo Almeida appartiene alla nuova generazione di designer brasiliani. A differenza di Fernando e Humberto Campana non collabora con aziende europee, ma utilizzando nei suoi progetti autoprodotti stilemi e ingredienti della cultura indigena brasiliana, un melting pot di Africa e Portogallo, cerca, mediante coraggiose ibridazioni, di creare un proprio marchio innovativo. Più che designer d’arredo, ama definirsi designer di oggetti, che nascono da un vocabolario figurativo molto personale, coltivato sin dal suo esordio. Gli incroci di razze diverse, tipici del Brasile, sono alla base del suo lavoro creativo, al quale intende dare significati completamente nuovi. In questa ricerca di un linguaggio inedito, in grado di raccontare storie e emozioni di culture ibride, rivela uno speciale coraggio. All’origine del suo vocabolario, che mescola spunti dialettali con raffinatezze poliglotte, c’è l’intenzione di evitare l’ovvio, creando manufatti al di sopra delle tendenze stagionali, quasi sospesi in un tempo, privo di riferimenti epocali. Il risultato di questo approccio molto personale, libero da dogmi, sono creazioni, destinate all’uso quotidiano, sorprendenti e inquietanti.

Torna al sommario de "Design, Fear and Love"
Close
Go top

The Moodboarders è un occhio spalancato sul mondo del progetto in tutte le sue multiformi declinazioni, capace di cogliere, anche nel quotidiano, lo straordinario. È la misura della temperatura epocale. È l’antenna sensibile capace di captare le tendenze sul nascere, i talenti che sbocciano, le estetiche trascurate. Non saggi, ma appunti veloci per sintonizzarsi sul ritmo del nostro tempo. Abbiamo viaggiato un anno senza fermarci e perché di questo viaggio non si smarrisca il ricordo abbiamo deciso di editare una versione cartacea. Abbiamo eliminato l’episodico, l’effimero e il fugace, cercando di mantenere la varietà degli argomenti e il loro fluido susseguirsi, di preservare la sorpresa delle scoperte, degli eventi colti nel loro manifestarsi, delle creazioni appena germogliate.