Exit
Anche l’apparecchiatura, con calici e posate, dichiara chiaramente lo stile europeo del locale.
Anche l’apparecchiatura, con calici e posate, dichiara chiaramente lo stile europeo del locale.

Sedie e panche imbottite con struttura di legno lucido e rivestimenti di pelle, tavoli in massello, lampadari in vetro e metallo… Il ristorante The Continental guarda chiaramente in direzione dell’Europa e dei suoi magnifici caffè! Pensare che questo locale, con interior firmato da David Collins Studio, si trovi tra i grattacieli di Hong Kong è come concepire un piacevole fuori luogo. Per la precisione, il The Continental occupa un piccolo edificio costruito al quarto piano del centro commerciale Pacific Place, una struttura con negozi, uffici e piazza aperta all’ultimo livello. Il locale si compone di una sala da pranzo per 185 coperti, aperta per mezzo di grandi vetrine in direzione della piazza, e da un piccolo cocktail bar. Non solo l’ambiente, anche il menu propone piatti che arrivano dai quattro angoli del Vecchio Continente. Le specialità elaborate dallo chef Rowley Leigh sono davvero per tutti i gusti, ma una particolare attenzione è stata riservata alle portate a base di pesce, fiore all’occhiello del ristorante.

Pettine di mare con purè di castagne e limone su foglia di shiso.
Pettine di mare con purè di castagne e limone su foglia di shiso.
Brunch al The Continental.
Brunch al The Continental.
quote
Cernia al vapore con vongole e burro dolce.
Il ristorante The Continental si trova al quarto piano del Pacific Place, un complesso commerciale progettato dall’architetto Thomas Heatherwick.
Il ristorante The Continental si trova al quarto piano del Pacific Place, un complesso commerciale progettato dall’architetto Thomas Heatherwick.
quote
L’eleganza “viennese” del The Continental non risulta austera soprattutto perché sdrammatizzata dal particolare soffitto dalle forme sinuose, tipiche dell’architettura di Heatherwick..
L’eleganza “viennese” del The Continental non risulta austera soprattutto perché sdrammatizzata dal particolare soffitto dalle forme sinuose, tipiche dell’architettura di Heatherwick..
Insalata di lattuga con rapanelli, cipollotto e limone.
Insalata di lattuga con rapanelli, cipollotto e limone.

DOVE: Unit 406, L4, Pacific Place, 88 Queensway, Admiralty, Hong Kong

Sedie e panche imbottite con struttura di legno lucido e rivestimenti di pelle, tavoli in massello, lampadari in vetro e metallo… Il ristorante The Continental guarda chiaramente in direzione dell’Europa e dei suoi magnifici caffè! Pensare che questo locale, con interior firmato da David Collins Studio, si trovi tra i grattacieli di Hong Kong è come concepire un piacevole fuori luogo. Per la precisione, il The Continental occupa un piccolo edificio costruito al quarto piano del centro commerciale Pacific Place, una struttura con negozi, uffici e piazza aperta all’ultimo livello. Il locale si compone di una sala da pranzo per 185 coperti, aperta per mezzo di grandi vetrine in direzione della piazza, e da un piccolo cocktail bar. Non solo l’ambiente, anche il menu propone piatti che arrivano dai quattro angoli del Vecchio Continente. Le specialità elaborate dallo chef Rowley Leigh sono davvero per tutti i gusti, ma una particolare attenzione è stata riservata alle portate a base di pesce, fiore all’occhiello del ristorante.

Torna al sommario de "Artifici"
Close
Go top

The Moodboarders è un occhio spalancato sul mondo del progetto in tutte le sue multiformi declinazioni, capace di cogliere, anche nel quotidiano, lo straordinario. È la misura della temperatura epocale. È l’antenna sensibile capace di captare le tendenze sul nascere, i talenti che sbocciano, le estetiche trascurate. Non saggi, ma appunti veloci per sintonizzarsi sul ritmo del nostro tempo. Abbiamo viaggiato un anno senza fermarci e perché di questo viaggio non si smarrisca il ricordo abbiamo deciso di editare una versione cartacea. Abbiamo eliminato l’episodico, l’effimero e il fugace, cercando di mantenere la varietà degli argomenti e il loro fluido susseguirsi, di preservare la sorpresa delle scoperte, degli eventi colti nel loro manifestarsi, delle creazioni appena germogliate.