Exit

Il FAI con una mostra a Villa Necchi Campiglio di Milano celebra la straordinaria arte di Alfredo Ravasco, innovativo maestro dell’oreficeria milanese del ventesimo secolo. Curata da Paola Venturelli, l’esposizione propone, disseminate nelle stanze della villa, che custodisce uno dei più preziosi centrotavola del maestro milanese, circa 90 opere, tra gioielli, oggetti d’arredo e di arte sacra, per la maggior parte inedite e di provenienza privata. La singolarità figurativa dell’originale artista consiste nell’abbinare a materiali preziosi, quali la malachite, l’agata, l’onice, i lapislazzuli e i coralli, figurazioni zoomorfe realistiche, come polipi e pesci cesellati con estrema finezza. Adagiati su basi di pietre dure o avvinghiati a blocchi di lapislazzuli, pesci e polipi, grazie al virtuosismo delle lavorazioni, suscitano quasi ribrezzo, tanto sono simili al vero, entrando a pieno diritto nella categoria estetica dei disgusti (preziosi, però), teorizzata dal filosofo Mario Perniola nel suo saggio Disgusti (Costa&Nolan,1998)

The-prince-of-goldsmiths_1
Alfredo Ravasco, Trittico con razza al centro e due polpi ai lati dettaglio base
The-prince-of-goldsmiths_cit
The-prince-of-goldsmiths_5
La scelta dei materiali, dal forte impatto cromatico, ricade in genere su pietre dure dalle tinte variegate e vivaci, quali la malachite, l'agata, l'onice, il lapislazzuli, e i coralli
Ravasco, oltre ad affermarsi come creatore di gioielli, ha raggiunto in maniera raffinata la sua massima espressione artistica nella realizzazione di oggetti e complementi d'arredo, vere e proprie sculture e architetture in miniatura.
Ravasco, oltre ad affermarsi come creatore di gioielli, ha raggiunto in maniera raffinata la sua massima espressione artistica nella realizzazione di oggetti e complementi d'arredo, vere e proprie sculture e architetture in miniatura.
L'esposizione si inserisce nell'ambito dell'iniziativa Manualmente giunta alla quarta edizione e dedicata all'artigianato di alta qualità.
La scelta dei materiali, che caratterizza le opere di Alfredo Ravasco, rivela una chiara ispirazione alle oreficerie del Cinquecento manierista e alla produzione delle celebri botteghe milanesi dei Saracchi, dei Miseroni e degli Scala.
L'esposizione si inserisce nell'ambito dell'iniziativa Manualmente giunta alla quarta edizione e dedicata all'artigianato di alta qualità.
L'esposizione si inserisce nell'ambito dell'iniziativa Manualmente giunta alla quarta edizione e dedicata all'artigianato di alta qualità.
The-prince-of-goldsmiths_7
Centrotavola con coralli, Alfredo Ravasco
La scelta dei materiali, dal forte impatto cromatico, ricade in genere su pietre dure dalle tinte variegate e vivaci, quali la malachite, l'agata, l'onice, il lapislazzuli, e i coralli
La scelta dei materiali, dal forte impatto cromatico, ricade in genere su pietre dure dalle tinte variegate e vivaci, quali la malachite, l'agata, l'onice, il lapislazzuli, e i coralli

DOVE: Villa Necchi Campiglio, Via Mozart, 14, 20122 Milano

Il FAI con una mostra a Villa Necchi Campiglio di Milano celebra la straordinaria arte di Alfredo Ravasco, innovativo maestro dell’oreficeria milanese del ventesimo secolo. Curata da Paola Venturelli, l’esposizione propone, disseminate nelle stanze della villa, che custodisce uno dei più preziosi centrotavola del maestro milanese, circa 90 opere, tra gioielli, oggetti d’arredo e di arte sacra, per la maggior parte inedite e di provenienza privata. La singolarità figurativa dell’originale artista consiste nell’abbinare a materiali preziosi, quali la malachite, l’agata, l’onice, i lapislazzuli e i coralli, figurazioni zoomorfe realistiche, come polipi e pesci cesellati con estrema finezza. Adagiati su basi di pietre dure o avvinghiati a blocchi di lapislazzuli, pesci e polipi, grazie al virtuosismo delle lavorazioni, suscitano quasi ribrezzo, tanto sono simili al vero, entrando a pieno diritto nella categoria estetica dei disgusti (preziosi, però), teorizzata dal filosofo Mario Perniola nel suo saggio Disgusti (Costa&Nolan,1998)

Torna al sommario de "Fiabesco"
Close
Go top

The Moodboarders è un occhio spalancato sul mondo del progetto in tutte le sue multiformi declinazioni, capace di cogliere, anche nel quotidiano, lo straordinario. È la misura della temperatura epocale. È l’antenna sensibile capace di captare le tendenze sul nascere, i talenti che sbocciano, le estetiche trascurate. Non saggi, ma appunti veloci per sintonizzarsi sul ritmo del nostro tempo. Abbiamo viaggiato un anno senza fermarci e perché di questo viaggio non si smarrisca il ricordo abbiamo deciso di editare una versione cartacea. Abbiamo eliminato l’episodico, l’effimero e il fugace, cercando di mantenere la varietà degli argomenti e il loro fluido susseguirsi, di preservare la sorpresa delle scoperte, degli eventi colti nel loro manifestarsi, delle creazioni appena germogliate.